Allo scopo di renderlo flessibile in vista della successiva manipolazione, il nostro sughero viene sottoposto ad una seconda bollitura. Lo strumento di lavoro chiave in questa parte del processo consiste in un’innovativa camera di sterilizzazione che prima bagna i fardelli e dopo li mantiene per tre ore a una temperatura di 100ºC mediante pressione e vapore, sempre usando acqua pulita, decalcificata e periodicamente analizzata. Questo processo ci consente di ridurre al minimo, o di azzerare, i livelli di TCA, le impurità, i funghi ,i tannini, i volatili, che potrebbero ancora essere presenti.